Cocco e limone a strati.

Ah, questa è semplice, l’ho fatta prima di partire per l’Egitto, come regalo dell’ultimo giorno per tutta la redazione (per al serie: “io parto e voi no”).
Io ho fatto solo una sola piccola modifica: ho usato il cocco grattugiato e ne ho pressoché dimezzato la dose.
Ecco quindi come si fa a far la ricetta, facile facile.

Preriscaldate il forno a 180°. Preparate uno stampo rettangolare (io l’ho foderato facendo l’origami e ha funzionato alla grande).
Mescolate in una grande ciotola 250 di zucchero, 125 grammi di burro ammorbidito, 2 uova. Una volta ottenuto un composto cremoso, aggiungete 125 ml di latte, il succo e la scorza di mezzo limone. Mescolate in modo che tutto diventi omogeneo.
Un cucchiaio alla volta, prestando molta cura per non formare grumi, unite 300 grammi di farina, un cucchiaino di lievito per dolci e un pizzico di sale.
In un’altra ciotola mescolate 100 grammi di ricotta (io ho usato una confezione mini di quelle vendute a coppia al super) e due cucchiai di zucchero a velo (circa 50 grammi). Infine aggiungete 50 grammi di cocco grattugiato.
Nello stampo distribuite metà del composto della pasta (quello della prima ciotola) e poi distribuite sopra in modo irregolare (con l’aiuto di un cucchiaio) il composto con il cocco. Infine distribuite il resto dell’impasto della pasta. Questo permetterà di avere fette a strati, rendendo la torta particolare e molto golosa.
Dopo aver passato il cucchiaio sulla pasta in modo da creare un ideale solco, infornate per 50 minuti e poi fate raffreddare enllo stampo per 10 minuti e poi sopra un griglia in modo che si asciughi anche il fondo. Mentre asciuga distribuite una amnciata di cocco in modo che si “attacchi” alla crosta della torta.
E poi, beh… buon appetito.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>