12 oggetti shopping al gusto di caffè.

Un blog molto ben curato con suggerimenti e consigli utili per una cucina più comoda e bella, alla portata di tutti

12 oggetti shopping al gusto di caffè.

Le mie confessioni sul caffè, eccole.
Primo sacrilegio: non mi piace quello della caffettiera, mi piace solo quello del bar. In realtà però vado matta per quello americano fatto con le caffettiere a pressione (o con le elettriche con filtro).
Uteriore motivo di vergogna: ci metto lo zucchero, molto zucchero, un sacco di zucchero, pure troppo. Però miglioro: ultimamente sono passata da “una bustina e un po’” a una sola.
Quante volte? Ne bevo due al giorno. Uno alla mattina, meglio ancora verso le 10. Uno dopo pranzo, magari dec. Se beve un caffè dopo le 16, non dormo. Ve lo assicuro.
E il latte? Niente latte. In nessuna forma.
Tutto qua? No. La granita al caffè è il peccato che ogni tanto (raramente) mi concedo.
E infine? Io lo conservo in frigorifero. E non me ne vergogno.

E voi, quanto zucchero nel caffè? Lo preferite macchiato, espresso, lungo? Lo bevete anche dopo cena? Raccontate. Vi va?

Caffettiera a pressione, Alessi, Cucchiaino dosatore per caffè, Zevro, Porta zucchero da tazza, Mono, Caffettiera a pressione, Bodum, Tazza, Sentou, Barattolo, Typhoon, Caffettiera, Bialetti, Tazza, Mepra, Tumbler, Thermos Nissan, Set per caffè (caffettiera a pressione e tazza), For Life Design, Macchina per caffè, Gaggia, Dosatore per caffè, Rosendahl

NB. Dopo qualche mese questi link potrebbero diventare obsoleti. 
Sarà mia premura cercare di eliminare riferimenti a prodotti che non sono più disponibili nei siti linkati, mi scuso se non riuscirò ad aggiornare per tempo i link.

 

2 Responses

  1. pat ha detto:

    lo bevevo volentieri dalla moka e al bar nero e doppio senza zucchero. anche il nescafè mi piace tantissimo anche quello molto lungo e senza zucchero. a volte con qualche goccia di latte freddo. ormai bevo solo caffè d’orzo e nell’orzo devo metterci dietor o zucchero altrimenti resta amaro e imbevibile per me.

  2. daniela ha detto:

    Con zucchero ( di canna), con dolcificante, raramente anche amaro. Serenamente variabile insomma :)

    Del caffè dalla moka mi piace il prima ( l’onomatopea dalla caffettiera, quello sbuffo, il profumo) e il dopo ( le dita impiastricciate e profumate). Il caffè al bar? solo lungo e macchiato: troppo forte. La stranezza è che mi piace il caffè macchiato, ma non il latte macchiato: eppure è solo una questione di proporzioni?!? mah.
    caffè lung(hissim)o mon amour: parlo del nescafè red cup. Ho comprato Amerikana della Bialetti, ma avevo bisogno di un’apposita miscela. Anche con la miscela giusta, il risultato era pessimo. Come con tutte le bialetti troppo complicate (vedi Mukka)…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *