Il mio primo pane fatto in casa.


Vi avevo già detto che il pane di Paola per me è superbuono. Sabato invece di far i pop cake, ho cercato non di imitarlo, ma quanto meno di non farlo venire fuori una schifezza.
Schifezza schifezza non è venuto, ma diciamo che siamo proprio all’inizio di una lunga strada (in salita), che forse, come dice giustamente Sara, non avrà mai fine: “per il pane ci vuole la mano, come per il disegno a mano libera”.
(“E il pane all’aglio che hai fatto tempo fa?” direte voi. Beh, quello non conta, non è mica pane vero, quello!)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>