Ho fatto il pane in scatola.

Un blog molto ben curato con suggerimenti e consigli utili per una cucina più comoda e bella, alla portata di tutti

Ho fatto il pane in scatola.


Qualche settimana fa siamo andati a Rimini, e ne abbiamo approfittato per andare all’Ikea. Niente di strano del resto: noi non abbiamo la macchina, viaggiamo unicamente in treno, all’Ikea siamo andati con una macchina in prestito. Quindi, non abbiamo potuto comprare niente per la casa (tipo la poltrona che sogno di avere in camera), ma abbiamo comprato un sacco di cose che potevamo trasportare in valigia, fra cui una barra per i coltelli, qualche stampo per biscotti e il Rågbröd Finax (e non solo, ma lo scoprirete nei prossimi giorni).

Dopo anni di mobili montati (e smontati) con il mio sudore della fonte (da librerie, a pensili per la cucina, passando per un letto matrimoniale a soppalco), io, schiava della brugola, ieri mi sono divertita a fare il pane in casa dentro a un cartone.

Ecco il video. Precisazione: è il nostro primo video, Ci siamo divertiti a farlo, anche se è stato un po’ difficile montarlo, trovare una musica che fosse decente (e non ce l’ho fatta!) e caricarlo su YouTube (ci mette anni!). Siate clementi, anche questo aspetto come tutto il blog per me è un po’ una scoperta e molto un divertissement. Non mi aspetto di diventare la Fellini dell’arte culinaria, ecco!

Sia chiaro, per me è un FAIL! ma non per il gusto o per la riuscita (per antonomasia, e per stupido pregiudizio, il pane nero è brutto, stopposo e cattivo) quanto per il fatto che pane o non pane resta comunque un prodotto IKEA: sa di truciolato! :-)

Vi metto due link solo per vostra curiosità: un post su The Kitchn e un gruppo su Facebook di expat scandinavi (pazzi!) che mangiano il Rågbröd per sentire meno la nostalgia di casa. Dove casa significa armadi, divani e piani cottura, ovviamente.
Update: Sara mi segnala che anche Sigrid ha avuto a che fare con la scatola magica!
Anche Ilaria!

 

7 Responses

  1. dodicidodici ha detto:

    Carino il video :)beh che dire, se Nigella promette di farci diventare dee in cucina…gli “chef” Ikea ci fanno diventare falegnami ;)

  2. auro ha detto:

    In realtà son tutte promesse da marinaio :-) come ben sappiamo :-) Resteremo delle persone che forse non riusciranno mai a fare un soufflé come Sabrina, ma si divertono. E questo è già tantissimo!

  3. Frieda ha detto:

    A me il pane nero piace parecchio, ma quello di Ikea è venuto disgustoso anche a me!

  4. ricambi ha detto:

    Tra i pani Ikea, imho il migliore è il lingonbrod. Ma io sono appassionato di lingon, e per quanto scuro la farina non contiene segatura.

  5. CV ha detto:

    Anche a me piace molto il lingonbrod, questo l’avevo provato ma ho trovato molto irritante la difficoltà a far uscire il pseudoimpasto dal brick, alla fine ho messo tutto in impastatrice e via. Non l’ho più comprato, vorrà dire qualcosa…

  6. auro ha detto:

    Ehm… mi sa che il LingonBrod è l’altro che abbiamo comprato e su cui vorrei passare il mio prossimo weekend.

  7. aswife ha detto:

    che video divertente! (e la musica gli si addice, suvvia!)
    shake shake shake mi sa che fa bene anche ai pettorali, cosi’ come il taglio della mattonella (fatto con una tale decisa leggiadria…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *