Il pane fatto in casa è davvero sopravvalutato?


Smanettare in cucina è senz’altro cosa degna di lode. E chi si dispone a fare il pane con il lievito madre sta chiaramente ponedo le basi per. Ma di tutte le volte che assaggiando le creazioni di volenterose neo-massaie avete commentato: “mmm, buonissimo”, quante in realtà avete pensato: “Sola di scarpa inacidita”? (da Dissapore.com)

Il problema forse è che non avete mai assaggiato (coma dice giustamente Sara) il pane di Ci_polla, o il pane che ho fatto io, con le mie manine, ieri sera (e di qui qua sopra vedete l’evoluzione), e che non era fatto con la pasta madre.
O forse il problema è che, un po’ per educazione, un po’ per comodità, si dice sempre “Che buono!” senza pensare che ogni tanto dire “Potevi fare meglio” (magari disquisendo molto piacevolmente poi per ore su uso di grassi animali, vegetali, su tempi e modi di cottura, su ingredienti e varianti) è un’opzione da valutare.
Quindi di chi è la colpa di chi cucina o di chi non dice?

In ogni caso, il pane senza impasto con la ricetta di Comida è fantastico, buono e facile da fare.
La prima volta che l’ho fatto era un po’ spugnoso, poco lievitato, un po’ insipido.
A me lo hanno detto, io ho provato a fare di meglio.
E pian piano ce la sto facendo. Anche perché io – statene certi – non aspiro alla perfezione :-)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>