I maiali s’abbronzano.


Sabato ho fatto i maialini di panbrioche. Avevo letto la ricetta su Dulcis in furno e avevo subito detto a Monica (una mia collega): “Sto weekend la faccio!” E infatti…
Ci vuole un po’ di tempo (fra preparazione, decorazioni, varie lievitazioni e forno contate un due ore e mezzo, anche tre) e dovete seguire in tutto e per tutto la ricetta di Tania, che non vi riporto perché è spiegata da lei benissimo. Ovviamente fanno la loro porca figura soprattutto alle feste dei bambini, ma piacciono anche ai grandi.
Però vi dico due cose utili (spero); i miei come potete vedere sono molto più abbronzati dei maialini di Tania, nonostante siano rimasti in formo molto di meno (180 gradi, ventilato, per 15 minuti). Credo che dipenda dal fatto che li ho spennallati due volte con l’uovo, prima di aggiungere il muso e le orecchie, e dopo. Spero che sia solo questa doppia dose di abbronzante ad averli resi appena rientrati dal Mar Rosso (a proposito: noi partiamo fra due settimane!).
E poi, e poi… ok, lo ammetto… io non li rifarei con prosciutto e scamorza, ma con pancetta e mozzarella. Molto più gustose! Ma anche così non scherzano: maialare per credere!
(la foto la metto perché mi piace e perché Sara dice che se non metto le foto non vale)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>